Tesserati!
Notizie

Roccoli, catture, spiedo: l’importanza delle “deroghe” per salvare le tradizioni.

Roccoli, catture, spiedo: l’importanza delle “deroghe” per salvare le tradizioni.

ROCCOLI – L’IMPORTANZA DEL PRELIEVO IN DEROGA TROVA  GIUSTIFICAZIONI NELLA STORIA , NELLE  TRADIZIONI E NELL’ECONOMIA DEL TERRITORIO.

capanni-cacciaChe le Valli bresciane e bergamasche siano ricche di storia e tradizioni Venatorie è un dato di fatto, persino la gastronomia locale è legata a doppio nodo alla caccia alla migratoria minuta. Si pensi a sua maestà lo “Spiedo bresciano” ed alla sua consorte, la “Polenta e osei bergamasca“, per non dire dell’indotto legato al Pianeta Caccia, costituito dai numerosi e qualificati fabbricanti ed armaioli della Valle Trompia e del munizionamento e commercio fatto di tante aziende, artigiani e famiglie che si sostentano,gravitando intorno alla passione venatoria.
La politica lo sa , o dovrebbe saperlo, ogniqualvolta affronta le tematiche legate alla caccia ed alle tradizioni del territorio. Fra queste al primo posto vi è la tradizione plurisecolare dei Roccoli, ovvero degli “Impianti di cattura” per l’approvvigionamento dei richiami. I Roccoli e l’aucupio, cioè l’arte della cattura con le reti degli uccelli silvani, risale ad oltre cinquecento anni orsono, tramandata da generazione in generazione , sino ai giorni nostri che però qualcuno vorrebbe interrompere per sempre facendoli finire ingenerosamente . Loro rappresentano vere e proprie Cattedrali Verdi, costituite da essenze arboree curate e selezionate nel corso degli anni, e come tali, vanno tutelati, salvaguardati e protetti, non come ruderi di antiche vestigia, ma fatti operare per quello che sono nati, adeguandoli alle attuali necessità ,visto che l’allevamento non è assolutamente in grado di sopperire ai fabbisogni di richiami vivi.
busanaaaaEcco quindi che la valenza dell’incontro del 31 Luglio in Regione con il Presidente Maroni e l’Assessore Fava, chiesto ed ottenuto dal “Tavolo Caccia”, composto da ben sei Europarlamentari , che fa capo a Lara Comi e Renata Briano, assuma un’importanza tale da segnare i rapporti tra il mondo Venatorio e chi lo rappresenta , con la Giunta che regge attualmente la  Regione. Di questo devono essere consapevoli, sia i componenti delle Associazioni Venatorie che parteciperanno all’incontro, sia i vertici di Regione Lombardia.
ACL – Ufficio Stampa
Etichettato: , , , , , , , , , , , , ,

0 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *