Tesserati!
Notizie

Inaugurato il “roccolo” di Agnosine. In mezzo alla nuova rotatoria una testimonianza delle nostre tradizioni.

Inaugurato il “roccolo” di Agnosine. In mezzo alla nuova rotatoria una testimonianza delle nostre tradizioni.

discorsiChi arriva ad Agnosine da Lumezzane, o per chi sale dalla parte dei Sabbio, non può non vedere la rotatoria “del Termen” posta prima di entrae in paese  e non può non far caso al “roccolo” che la domina totalmente. Si un vero e proprio “roccolo” di caccia come era nelle tradizioni della Val Sabbia e di tante altre valli bresciane. Una testimonianza posta a ricordo di qualcosa che recentemente il Governo e il ministro dell’ambiente Galletti ci hanno tolto.   Grazie alla sensibilità di un amministrazione molto attenta in queste cose e grazie alla collaborazione dei molti cacciatori del posto, quasi tutti della sezione  ACL di Agnosine,  si è aclinaugurata questo pomeriggio una rotatoria che porta in centro al paese bresciano davvero speciale. Una rotonda nella quale, per non dimenticare la tradizione e la cultura venatoria,  è stato allestito un antico “roccolo” .  Il sindaco Giorgio Bontempi e la sua giunta hanno così voluto dare un segno concreto di vicinanza e condivisione di una forte passione, che in Val Sabbia, come in tante altre zone sopratutto del nord, in un passato ormai lontano era fonte di sostentamento per molte famiglie, per poi divenire impianti di cattura dei richiami per la caccia da Taglio nastroappostamento fisso. Ora, come si sa, il nostro Governo e il nostro ministro all’ambiente hanno pensato bene di cancellare queste tradizioni e questi luoghi .  ”Abbiamo sostenuto sin da subito la richiesta avanzata dai nostri cacciatori ha spiegato il sindaco -perchè i roccoli costituiscono un patrimonio di bellezza architettonica da salvaguardare ” .-  Bontempi  ha poi sottolineato un altro aspetto- ”Sono i cacciatori che mantengono puliti i nostri monti, i sentieri e il bosco. Sono loro che mantengono pulito l’ambiente tutto l’anno e fanno prevenzione e non dimentichiamo che la caccia è anche lavoro, occupazione, per tante famiglie“.  Alla cerimonia d’inaugurazione hanno partecipato anche il consigliere regionale Alesandro Sala e il presidente della Comunità Montana di Valle Sabbia Gianmaria Flocchini. Alla cerimonia erano presenti un centinaio di cacciatori con le loro famiglie e con i loro dirigenti venatori. Prima del taglio del nastro vi è stato anche un momento di raccoglimento con  Alla fine è stata scoperta una scultura lignea realizzata grazie ai cacciatori di ACL.   Tutti si sono poi trasferiti in  paese dove erano in programma altre manifestazioni di festa e un dibattito pubblico sui temi venatori del momento.

ACL – ufficio stampa

Etichettato: , , , ,

0 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *