Tesserati!
Notizie

ACL: UNA PASQUA AMARA PER IL MONDO VENATORIO LOMBARDO

ACL: UNA PASQUA AMARA PER IL MONDO VENATORIO LOMBARDO

ACL: UNA PASQUA AMARA PER IL MONDO VENATORIO LOMBARDO

img-20160927-wa0006Ci sono due piatti indigesti nel menù pasquale di quest’anno: le risposte dell’Avvocatura e della dirigente dell’Assessorato Caccia di Regione Lombardia sulle deroghe, la “poppata berlusconiana” agli agnellini. Veniamo al dunque: fermo restando l’impegno dell’intero Gruppo Interconsiliare Caccia BS/BG e del Consigliere Sala, sia l’Avvocatura sia la dirigente Anna Bonomo, nonostante qualche apertura,  hanno fornito un quadro inquietante sulla possibilità di accedere alla caccia in deroga, lasciando a tutte le Associazioni Venatorie presenti poca o nessuna speranza  sulla possibilità di una Delibera al riguardo.

Ciò nonostante tutte le Associazioni, a diverso titolo ed i loro legali presenti, avessero indicato delle soluzioni specifiche. La dirigente ha dato la possibilità alle Associazioni di supportarla, fornendo entro poco più di una settimana, studi, ricerche o dati scientifici che possano sostenere la richiesta di deroga, anche perché se il parere ISPRA fosse negativo, ben difficilmente si farebbe la relativa Delibera. Davanti a questi “paletti” e aperture formali di difficile se non impossibile attuazione, abbiamo capito quali siano le reali intenzioni di Regione Lombardia.

Prendiamo atto che non esiste, né mai è esistita una concreta volontà politica sull’argomento da parte di chi guida Regione Lombardia, e dell’Assessorato retto da Gianni Fava (Lega Nord). Questo atteggiamento, per quanto ci riguarda, è destinato a pesare quando le forze politiche che hanno la maggioranza in Regione si rivolgeranno ai cacciatori Lombardi,  per averne il consenso alle urne, raccogliendo ciò che hanno seminato.

berluscaPer favore non si parli più di “essere legati alle tradizioni né di essere padroni a casa nostra”! La “poppata” di Berlusconi, indica quanto il personaggio sia lontano da quell’elettorato di riferimento che gli ha consentito di guidare il Paese. Un Berlusconi volto ad accattivarsi  i voti e le simpatie di chi, come il mondo animalista,  continuerà a non votarlo. Così facendo inoltre mette in crisi interi settori della filiera agro-alimentare italiana anche quei poveri allevatori delle zone terremotate che si sostentano con il commercio di questi animali.

Anche se amara, Buona Pasqua a tutti!

Carlo Bravo Presidente Regionale ACL

Etichettato: , ,

0 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *