Tesserati!
Notizie

ACL incontra il Prefetto di Brescia –

ACL incontra il Prefetto di Brescia –

ACL incontra il Prefetto

Nella tarda mattinata di martedì 30 ottobre una delegazione di ACL , tra cui il presidente regionale Carlo Bravo e quello provinciale bresciano Gino Marini, incontrerà Sua Eccellenza il Prefetto di Brescia, dott. Annunziato Vardè su alcuni problemi legati alla pratica venatoria e ai controlli sul territorio.
Una fase annunciata già da alcuni giorni che trova ora conferma dopo che la stessa Prefettura ha confermato la data di questo appuntamento.

Non chiediamo sconti e neppure trattamenti di favore ma vogliamo solo che il Prefetto di Brescia sappia e faccia chiarezza in merito a certi episodi, a nostro avviso piuttosto sgradevoli, nei quali sono intervenuti i SOARDA, i carabinieri forestali che operano sul fronte del bracconaggio e che per tutto il mese di ottobre presidiano ogni anno il territorio bresciano, in aggiunta ai carabinieri forestali locali, che già agiscono nelle valli insieme a guardie volontarie di varie associazioni anticaccia. Operazioni che hanno causato tensioni e rischi inutili ed evitabili”- chi parla è Carlo Bravo, presidente regionale dell’Associazione Cacciatori Lombardi, che proseguendo aggiunge anche :” Non vogliamo sottrarci ai controlli ma solo essere trattati con rispetto perché non siamo criminali ma persone cittadini come tutti gli altri, agiamo in conformità ad una legge nazionale, paghiamo le concessioni dei capanni e tutti i versamenti inerenti ad esercitare il nostro diritto di andare a caccia. A differenza di certe persone che con il volto coperto vandalizzano gli appostamenti, disturbano volutamente l’ attività venatoria, tagliano le gomme dei nostri mezzi, c’insultano e ci scherniscono con il solo scopo di provocare una reazione in modo che poi ci viene tolto il porto d’armi.”- .

Una situazione davvero intollerabile quella evidenziata da ACL che proprio nell’ultimo mese ha subito un impennata paurosa, considerato che poi a questi loschi personaggi, manipolati ben bene dalle note sigle animaliste, se fermati la giustizia fa poco o nulla. Martedì quindi l’incontro con il Prefetto per capire se lo stesso accanimento messo in campo contro i cacciatori lo si possa quantomeno avere anche nei confronti di queste persone che delinquono subdolamente e in maniera spregiudicata.

ACL – Ufficio stampa

Etichettato: , , , ,

0 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *