Tesserati!
Notizie

ACL dice “basta” ai soprusi della politica ! Torniamo in “prima linea”. Non siamo una categoria inferiore.

ACL dice “basta”  ai soprusi della politica ! Torniamo in “prima linea”. Non siamo una categoria inferiore.

Mancano due mesi all’inizio della nuova stagione venatoria e già si parla di chiusura anticipata. Il Ministro Galletti, anticaccia di professione, ha già messo le mani davanti gian_lucagallettidicendo all’Europa che il prelievo del tordo bottaccio, della cesena e della beccaccia sarà fermato il 20 gennaio invece che il 31. Esattamente come nella stagione scorsa con la scusante “falsa” della migrazione pre-nuziale.  Ora mi domando e dico … è mai possibile che noi cacciatori ci lasciamo calpestare ogni volta in questo modo, è mai possibile essere presi per i fondelli da un Ministro che ascolta tutte le associazioni animaliste e ambientaliste per prendere ordini e spunti contro l’attività venatoria ?  Questo accade perchè nessuno più si ribella, perchè noi associazioni ci facciamo la guerra per un pugno di associati in più perdendo di vista il vero obbiettivo: la nostra sopravvivenza. Tutte le associazioni, noi compresi, abbiamo smesso di lottare e accettiamo supinamente tutto ciò che ci piove addosso. E’ ora d’invertire la rotta e di tornare ad essere in “prima linea”. Tornare ad occupare quel ruolo di “rompicoglioni”  che per anni ci è stato attribuito.  ma che ci ha fatto crescere a suon di successi e di consensi. Un poco per volta ma sistematicamente ci stanno togliendo la terra sotto i piedi. Ci hanno imposto la “banca dati” per i richiami e hanno chiuso i roccoli, ci hanno tolto lo spiedo e non abbiamo atto nulla, ci viene negato il prelievo in deroga e la colpa è dell’Europa, ci viene imposta la chiusura anticipata ma in Francia Spagna e Grecia si caccia fino al 10 febbraio, ci riducono le quantità dell’allodola e altro . Adesso “basta” !  Basta fare i buonisti della caccia, basta ringraziamenti ai politici, basta aspettare i ravvedimenti, basta false promesse. Insieme agli altri, a chi ci vorrà stare ovviamente, o da soli combatteremo questa battaglia. Sono in gioco la nostra dignità, il nostro futuro, i diritti di noi cacciatori. A Bruxelles hanno barattato la caccia per non avere sanzioni sull’ambiente, sulle discariche e sulle porcherie che stanno distruggendo il nostro paese. I nostri politici ci hanno svenduto Favacome carne da macello e c’è ancora che crede in questo governo. Siamo a fine luglio e la Regione Lombardia non ha ancora varato il calendario venatorio. Questa è una vergogna ! Non illudiamoci che l’assessore Fava deliberi il prelievo in deroga. Tutti amici quando si è in campagna elettorale ma poi  …… bravissimi nel voltarci le spalle. Adesso tocca a noi.

ACL –

Etichettato:

0 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *