Tesserati!
Notizie

ACL – Chiarezza sulla segnatura del tesserino        

ACL – Chiarezza sulla segnatura del tesserino                                                                                                                                                   

Quando non c’è chiarezza sorgono gli equivoci e nascono i problemi. Ci riferiamo ancora una volta alla questione della “segnatura” del tesserino in Lombardia, dove la Regione ha fatto sapere che, anche attraverso l’interessamento di alcuni consiglieri tra cui il bresciano Floriano Massardi e la mantovana Barbara Mazzali: “Dalla lettura del combinato disposto dalla norma nazionale e di quella regionale, più di dettaglio, è possibile dedurre un orientamento di massima secondo il quale, nella specifica forma di caccia da appostamento alla sola migratoria, la locuzione “gli abbattimenti accertati” possa essere declinata nella annotazione in contemporanea sul tesserino venatorio di più capi abbattuti, ovvero nel procedere ad annotazioni “cumulative” per più capi abbattuti, con ragionevole periodicità giornaliera, sempre beninteso sul posto di caccia. Quindi una risposta, quella dei funzionari regionali  che avrebbe dovuto fare chiare spazzando via ogni dubbio interpretativo.  Invece così non è !!!   

La sorveglianza venatoria provinciale, le guardie volontarie e tutto il resto,  facendo riferimento alla legge nazionale,  alla modifica introdotta dall’ ex Ministro all’ Ambiente Gianluca Galletti, continuano  imperterriti nel sanzionare, soprattutto i capannisti, per non aver segnato i capi abbattuti nel momento del controllo.  Ogni capo abbattuto non segnato costa € 154 di sanzione e addirittura qualcuno di questi controllori provvede alla “moltiplica”  sapendo bene che non è possibile farlo.

Detto questo, onde evitare corse inutili e costi e in attesa che la Regione Lombardia chiarisca, invitiamo tutti a segnare i capi subito dopo lo sparo.

Noi come ACL ci stiamo muovendo attraverso i canali della politica per capire fino a che punto il decreto regionale sia valido o se vada modificato. Ci stiamo muovendo anche su altri fronti, facendo leva sul buon senso di chi controlla, per  cercare di evitare che vengano sanzionati quei cacciatori che in “buona fede” agiscono attenendosi ad una disposizione regionale. Chi pratica la caccia da capanno conosce bene le problematiche del caso ed è impensabile che ad ogni sparo si esca per raccogliere e segnare.

ACL – Associazione Cacciatori Lombardi

Etichettato: , , , , ,

0 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *