Tesserati!
Notizie

A.C.L. informa: FERMARE IL DISEGNO REALACCI

A.C.L. informa: FERMARE IL DISEGNO REALACCI

A.C.L. informa EDITORIALE
FERMARE IL DISEGNO REALACCI

Ermete Realacci

Ermete Realacci

Non è solo un appello, ma ormai è diventata una necessità. E’ un dato di fatto che l’On. Ermete Realacci, ambientalista e Presidente onorario di Legambiente, stia portando avanti un disegno anticaccia. Realacci ha militato nell’Ulivo, nella Margherita ed è attualmente membro della direzione del PD. Presidente della Commissione Ambiente della Camera è anche responsabile della “Green economy” del Partito Democratico. Realacci potremmo definirlo un uomo tutto “green”, che per chi non lo sapesse vuol dire verde e la “Green economy”, l’economia verde, rappresenta un bel business, un bell’affare. Ma veniamo al dunque : Camera e Senato della Repubblica pullulano di Disegni di legge, proposte di modifica ed emendamenti che sfavoriscono l’attività venatoria. Tale fervore vede tra i più attivi, se non come protagonista, Realacci e la sua cerchia. In genere gli emendamenti e le modifiche ad una legge dovrebbero essere utili a migliorarla. Nel caso specifico si direbbe che l’emendare o il modificare siano a senso unico, impattando negativamente sulla caccia. E’ mai possibile che con tutti i problemi che ci sono nel nostro Paese, il Governo ed il Parlamento sviluppino uno stoico impegno occupandosi a capofitto dell’attività venatoria? Il Governo ed il Parlamento forse ignorano che dietro la caccia vi siano intere famiglie che si sostentano e decine d migliaia di posti di lavoro a rischio ? Che il governo ed i Ministri competenti se ne rendano conto e fermino quanto prima il disegno di Realacci che insieme alla riduzione della caccia, si porterebbe dietro come un vortice, il fallimento e la povertà di numerose aziende dell’indotto. CHE VERGOGNA!!!
Notizia flash : i componenti in rappresentanza di Federcaccia e Arcicaccia nell’ Ambito Unico di Brescia hanno proposto di optare per i 3 giorni fissi di caccia senza avere il consenso unanime delle Associazioni venatorie né tantomeno quello della base dei cacciatori.
A.C.L. ovviamente era contraria come del resto anche A.N.U.U., una responsabilità tutta di chi l’ha voluta ad ogni costo.

ufficio stampa ACL Lombardia

0 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *